Sicurezza sul lavoro: DVR rischio fulminazione D.lgs 81/08

Sicurezza sul lavoro: DVR rischio fulminazione D.lgs 81/08

I fulmini sono originati da enormi differenze di potenziale (nell'ordine di milioni di Volt) che si vengono a creare all’interno delle nubi temporalesche.

Le particelle di acqua e di ghiaccio più piccole all'interno delle nubi tendono a caricarsi positivamente ponendosi alla sommità della nube, mentre quelle più grandi si dispongono alla base e tendono a caricarsi negativamente.

Il D.Lgs 81/2008 all'art. 84 "Protezioni dai fulmini" cita:

1. Il datore di lavoro provvede affinché gli edifici, gli impianti, le strutture, le attrezzature, siano protetti dagli effetti dei fulmini realizzati secondo le norme tecniche.

I fulmini infatti possono provocare gravi danni a cose e persone.

La valutazione nei luoghi di lavoro del rischio di fulminazione da scariche atmosferiche (D.Lgs 09 aprile 2008 n. 81 “testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro”), deve essere eseguita con la norma tecnica CEI EN 62305-2, in vigore dal primo marzo 2013:

  • CEI EN 62305-1 (CEI 81-10/1) “Principi generali”
  • CEI EN 62305-2 (CEI 81-10/2) “Valutazione del rischio” Nuova edizione
  • CEI EN 62305-3 (CEI 81-10/3) “Danno materiale alle strutture e pericolo per le persone”
  • CEI EN 62305-4 (CEI 81-10/4) “Impianti elettrici ed elettronici nelle strutture”
  • Guida CEI 81-2 “Guida per la verifica delle misure di protezione contro i fulmini”

Un fulmine può causare danni in funzione al tipo di costruzione, a ciò che si trova al suo interno e alle attività che vi si svolgono.

Si distinguono tre tipologie principali di danno che possono manifestarsi come conseguenza di una fulminazione come riportato:

  • D1: danno ad esseri viventi per elettrocuzione;
  • D2: danno materiale;
  • D3: guasto di impianti elettrici ed elettronici.

Ciascun tipo di danno può produrre diverse perdite:

  • L1: perdita di vite umane (inclusi danni permanenti);
  • L2: perdita di servizio pubblico;
  • L3: perdita di patrimonio culturale insostituibile;
  • L4: perdita economica (struttura, contenuto e perdita di attività)

I rischi da valutare in una struttura possono essere:

  • R1: rischio di perdita di vite umane (inclusi danni permanenti);
  • R2: rischio di perdita di servizio pubblico;
  • R3: rischio di perdita di patrimonio culturale insostituibile;
  • R4: rischio di perdita economica.

Una volta stabilito il limite massimo di rischio tollerabile (RT), la valutazione consente la scelta delle misure di protezione da adottare per ridurre il rischio a tale limite.

il rischio per un danno da fulminazione risulta determinato, secondo la norma in questione, dalla relazione:

R = N x P x L

dove:

N

è il numero di eventi pericolosi

P

è la probabilità di danno

L

è la perdita in seguito al danno

 

Se R ≤RT

Se R > RT

la protezione contro il fulmine non è necessaria

debbono essere adottate misure di protezione al fine di rendere R RT per tutti i rischi a cui è interessata la struttura

Secondo la Norma CEI EN 62305-2 per la valutazione nei luoghi di lavoro del rischio di fulminazione da scariche atmosferiche si applica in linea generale la seguente procedura:

  1. Identificazione della struttura da proteggere;
  2. Identificazione delle caratteristiche della struttura;
  3. Identificazione di tutti i tipi di perdita e dei corrispondenti rischi;
  4. Determinazione del rischio R per ogni tipo di perdita;
  5. Valutazione della necessità della protezione (installazione LPS)

Ai fini della valutazione è necessario prendere in considerazione la densità annua di fulmini a terra per km/quadrato, la struttura stessa oggetto della valutazione, gli impianti presenti in essa ed il contenuto, le persone nella struttura e quelle nella fascia fino a 3 metri all’esterno nonché l'ambiente circostante.

CENSET aiuta il Datore di lavoro nella stesura della valutazione nei luoghi di lavoro del rischio di fulminazione da scariche atmosferiche.

 


Joomla SEF URLs by Artio

Menu Corsi di Formazione